Cosa Devo Sapere Sui Nei? - Foto

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

Per migliaia di anni, le persone hanno indovinato il significato delle voglie. Nell'antica Cina e in Grecia gli indovini predicevano la fortuna attraverso le macchie della pelle, nell'Inghilterra e nella Francia medievali i nei erano considerati un presagio di streghe e nel XVII secolo le dame europee si decoravano il viso, il seno e le spalle con il taffetà, trovandolo terribilmente attraente.

Oggi la scienza ha studiato a fondo l'argomento, spiegando le peculiarità e le cause delle voglie, nonché l'evoluzione e le potenzialità delle voglie. Vi spiegheremo perché compaiono i nei, cosa dovete sapere su di loro e come tenerli sotto controllo.

1.

In termini medici, un neo o una voglia è un nevo; è una piccola massa pigmentata sulla pelle. Può essere piatto, voluminoso, marrone, nero, rosso o addirittura blu. Il colore varia a seconda della sua natura: i nevi dovuti alla vascolarizzazione presentano toni rossi, mentre un neo pigmentato è marrone a causa di una proliferazione di melanociti, cellule che sovraccaricano la pelle di melanina. Perché si verificano?

I buchi possono essere suddivisi in congeniti o acquisiti. La maggior parte dei casi si verifica nei primi 30 anni di vita e quelli che si verificano più tardi devono essere tenuti sotto stretta osservazione.

Le principali cause delle voglie possono essere riassunte come segue:

  • disposizione genetica;
  • radiazioni ultraviolette (dal sole o da un solarium);
  • rimbalzo ormonale (gravidanza);
  • radiazioni nocive, stress, virus e lesioni.

Come per le lentiggini (anch'esse un ammasso di melanociti, anche se meno invasivo), i nei piacciono alle persone con la pelle chiara e sono sensibili ai raggi ultravioletti. Anche l'ereditarietà gioca un ruolo importante, ma le lentiggini possono attenuarsi con il cambio di stagione e persino scomparire con l'età, cosa che non ci si può aspettare dai nei.

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO  Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

3.

Non c'è una regola.  Quasi tutti i soggetti di età superiore ai 10 anni avranno da 10 a 40 nei, che possono essere sia attraenti che non molto per esempio, troppo sporgenti o pelosi. I nei possono comparire in qualsiasi parte del corpo, comprese le membrane mucose (bocca, naso, ecc.) e i nei \"interni\" sono più comuni nelle donne che negli uomini.

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

4. Possono cambiare?

Nei neonati i nei sono rari o sono talmente microscopici da risultare invisibili. Con il passare del tempo diventano più visibili e crescono con il loro proprietario. La crescita dei nei indotta dagli ormoni si verifica durante la pubertà e i nei esistenti possono crescere e persino cambiare colore. L'aumento dei livelli di estrogeni per un lungo periodo di tempo può causare l'ingrandimento o l'inscurimento dei nei, perché gli estrogeni stimolano la produzione di melanina. Ma una volta che gli ormoni tornano alla normalità, i nei di solito tornano al loro aspetto normale.

Tra l'altro, alcuni studi dimostrano che una versione sintetica dell'estrogeno usato nella pillola anticoncezionale ha un effetto simile, il che teoricamente, in un lontano futuro, offre una speranza per le pillole autoabbronzanti.

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO  Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

5.

Nel complesso, male. Il sole va evitato. L'esposizione alla luce ultravioletta aumenta sempre il rischio di comparsa di nuove macchie o di degenerazione in qualcosa di spiacevole. La protezione è la strategia migliore: quando c'è il sole, usare ogni giorno una protezione solare con un SPF di almeno 30.

Non è necessario sdraiarsi su un lettino prima di scottarsi per aumentare il rischio di sviluppare il problema. Se avete dimenticato l'aspetto della spiaggia e trascorrete l'estate nelle metropoli, anche pranzare nel cortile dell'ufficio in una giornata di sole non è una buona idea, se avete la pelle chiara o molti nei. Rimanete al riparo dal caldo di mezzogiorno, assicuratevi di usare la protezione solare, di usare cappelli a tesa larga e di dimenticare per sempre i lettini abbronzanti.

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

6.

Le voglie buone sono nei ben definiti che sono piatti o leggermente sollevati sulla pelle e hanno una consistenza liscia. Questi nevi sono sicuri e non trattati e superano di gran lunga quelli problematici. Tuttavia, è importante sapere che un neo può trasformarsi in un melanoma, una pericolosa neoplasia, se esposto ai raggi ultravioletti o se viene regolarmente ferito (ad esempio, sfregando con i vestiti e le scarpe).

Monitorare i nei valutando i sintomi.

  • A - asimmetria,
  • B - confine (ha cambiato i suoi confini, si è diffuso nella pelle),
  • C - colore (è diventato diverso o colorato); - colore (cambiamento di colore o di un intero gruppo di colori),
  • D - diametro (è cambiato in dimensione, anzi è aumentato di dimensione),
  • E - evoluzione (in genere è cambiato notevolmente, per esempio in volume).

Se notate un evidente cambiamento della voglia, confermate uno o tutti i sintomi di questo elenco al vostro medico, che farà una diagnosi completa, giungerà a una conclusione sul grado di pericolo e, se necessario, raccomanderà la rimozione della voglia. Si consiglia di far controllare il neo una volta all'anno dal dermatologo e, inoltre, di esaminarlo una volta al mese per evitare sospetti ossessivi.

Cosa devo sapere sui nei? - FOTO

7.

Terminiamo il taglio negativo: i nei sono un segno evidente della nostra unicità, soprattutto ora che la cultura di massa si sta lentamente allontanando dai triti standard di bellezza. Almeno, ogni volta che i ritoccatori rovinano i nei sulla pancia di Gigi Hadid, i fan della top model scatenano una vera e propria tempesta su Twitter in difesa della sua bellezza intoccabile.

Al tempo stesso, le statistiche internazionali sulla chirurgia estetica hanno mostrato un aumento di quasi il 15% nella richiesta di rimozione dei nei lo scorso anno. Se avete deciso di eliminare un nevo senza un'indicazione specifica, vale la pena di considerarne le implicazioni. Indipendentemente dal fatto che il medico scelga il laser o l'intervento chirurgico, la cicatrice che ne deriva potrebbe risultare più fastidiosa del neo.

elle.ru

.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *